SAN  VINCENZO DE PAOLI

La Società "San Vincenzo de Paoli" fondata da Federico Ozanam e dai suoi giovani amici universitari a Parigi nel 1833 è un’organizzazione cattolica internazionale di laici, aperta a tutti coloro che vogliono vivere la loro fede cristiana nell'amore e nel servizio ai fratelli che si trovano in condizioni di disagio e di bisogno. Oggi siamo presenti in 146 paesi in tutto il mondo. In Italia esistono 84 associazioni Consiglio Centrale che coordinano 1.400 conferenze,  con circa 13.500 membri.

Dal 1933 una di queste conferenze è attiva nel quartiere di Sacconago. Cominciata con sei consorelle e supportate dall'allora parroco Don Antonio Marelli, oggi è composta da 30 persone che si occupano di assistere le situazioni di povertà di qualunque tipo,  presenti nella Parrocchia.

Varie le nostre attività: 

  • Ogni settimana raccogliamo e ridistribuiamo alimenti, vestiario, gestiamo un ambulatorio medico aperto tutti i giorni, preghiamo e soprattutto mettiamo il nostro tempo a disposizione di chi è in difficoltà.
  • Ogni prima domenica del mese, all'altare di San Vincenzo in Chiesa Parrocchiale, raccogliamo alimenti. Provvediamo poi ad acquistare quello che manca.
  • Ogni venerdì pomeriggio distribuiamo presso la nostra sede circa 40 borse di alimenti che,  con quelle distribuite quindicinalmente,  portano il numero totale di famiglie  a 70.
  • Il giovedì pomeriggio distribuiamo vestiario.
  • Il sabato mattina, nelle date indicate in bacheca, siamo disponibili all'ascolto, un momento che permette alle persone di esporci le loro difficoltà.
  • La visita al domicilio dei nostri amici, come indicazione principale del nostro fondatore,  resta il nostro impegno prioritario.

Nel 2015 abbiamo raccolto 6101 chilogrammi di alimenti, e abbiamo speso 8.931  euro per acquistare la quantità mancante.

 

Ci autofinanziamo con la colletta tra di noi, come il nostro fondatore ci ha indicato,  e  si aggiungono le donazioni che sempre generosamente la popolazione di Sacconago ci offre. Questo ci permette di aiutare, nei limiti del possibile, alcune famiglie in difficoltà con il pagamento di utenze, affitti, mense scolastiche, materiale scolastico ecc.